Festa della mamma: auguri a tutte le mamme del mondo da Memagazine.

In Italia la festa cade la seconda domenica di Maggio. Le fonti disponibili non concordano sulla data in cui in Italia si incominciò a festeggiare la festa della mamma: secondo alcune di esse la festa inizialmente cadeva l’otto Maggio, secondo altre, invece, sin dall’origine tale festa si celebrava nella seconda domenica di Maggio.

In gran parte degli Stati Europei, negli Stati Uniti, in Giappone in Australia e in numerosi altri Paesi la festa cade nella seconda domenica di Maggio, a San Marino si festeggia il 15 marzo, in Spagna e Portogallo la prima domenica di maggio; nei paesi balcanici l’8 Marzo; in molti paesi arabi la festa cade invece nel giorno dell’equinozio di primavera.

In Italia si celebra la festa della mamma dal 1956, nata per motivi prettamente commerciali e promozionali da un’idea dell’allora sindaco di Bordighera. Nel 1957 invece si diede alla festa anche un significato religioso attribuendo alle mamme la capacità di “incontro interculturale” che a 10 anni dalla fine della guerra si era reso necessario. Chi meglio delle mamme poteva parlarsi tra di loro usando il linguaggio universale che è quello dell’amore per i figli?

E allora come abbiamo scritto in altri articoli, non importano colori di pelle, religioni diverse, tradizioni diverse, lingue diverse, provenienze diverse, classi sociali diverse, le mamme sono mamme e basta, sono le sole che hanno il “diritto” di poter dire che grazie a loro, la vita continua e l’umanità esiste. E le mamme sono le donne che abbiamo accanto, donne che talvolta nascondono segreti e condizioni di vita indicibili e crudeli, donne che non vengono rispettate, donne che vengono “uccise”. Per questo, figlie e soprattutto figli, difendete le mamme, le donne, difendete l’amore, difendete “la vita” Mamme, AUGURI!

Renato Trincanato
La vita...è un viaggio. Dunque, viaggiate! Chi sono io? Prima di tutto sono fin troppo razionale...l'istinto lo uso molto poco e prima di fare delle scelte devo pensare parecchio. Sono molto realista, non mi creo illusioni, non spero in cose su cui non c'è più speranza. Accetto la realtà,ma spesso non la condivido. Sono anche romantico sotto un certo punto di vista. Sono permaloso (nei limiti): una battuta a cavolo nel momento sbagliato sul mio carattere, sul mio abbigliamento o su qualsiasi altra cosa può essere fatale per la mia ira... Sono nervoso perennemente, credo...mi preoccupo per mille persone e prima di qualche prova importante sono sempre in tensione. Sono anche molto altruista, se un amico/a ha bisogno di sfogarsi io ci sono in qualsiasi momento, garantito. Sono io.
A come Amore Feste nazionali Giornate Mondiali People
Previous reading
Riparte la stagione lirica all’Arena di Verona: ecco le opere in programma. Gli amici della lirica al “Nabucco”.
Next reading
Un Caravaggio alla Gypsotheca del Canova: ce ne parla il Professor Vittorio Sgarbi, presidente del museo di Possagno e curatore della mostra.